ADNKRONOS segnala Taccuino di una sbronza
Pubblicato il 23.09.2008
Radeschi's version - il blog di Paolo Roversi

PAOLO ROVERSI FIRMA ‘TACCUINO DI UNA SBRONZA’

Roma, 20 set. – (Adnkronos/Adnkronos Cultura) – La data del matrimonio e’ fissata per il 12 marzo del 1994. Tutto e’ pronto e manca ancora poco. Carlo Boschi, un milanese di trent’anni impiegato in banca, ha fissato ogni dettaglio della cerimonia. Dieci giorni prima delle nozze Romeo, il suo miglior amico, lo invita a Dublino per l’addio al celibato: gli offre un soggiorno da trascorrere bevendo alcol nei pub. E’ cosi’ che inizia il romanzo di Paolo Roversi ”Taccuino di una sbronza”, pubblicato dalla Kowalski.

La vita di Carlo cambia in modo radicale. Dopo un’ubriacatura devastante, infatti, finisce in coma etilico. Quando si risveglia non e’ piu’ quello di prima. Il suo desiderio di sposarsi con Sara sembra essere svanito. Di piu’: Carlo e’ convinto di essere la reincarnazione di Charles Bukowski, il suo scrittore preferito. Dimentica la sua vita precedente, abbandona il suo lavoro e rinuncia a sposarsi. Inizia a condurre una nuova esistenza seguendo proprio il modello e l’esempio di Bukowski. Sopravvive grazie a piccoli espedienti quotidiani e conosce molte donne nei bar con cui costruisce dei rapporti fugaci.

Continua a bere e, ogni notte, si ubriaca. Lavora come postino, scrive racconti e poesie improbabili, fa a pugni nei vicoli delle citta’. La sua parabola si sviluppa nel corso di quattordici anni di storia italiana e mondiale che fanno da sfondo alle sue avventure. ”L’idea di un romanzo in cui un italiano finisce per diventare Charles Bukowski – scrive nella postfazione Enrico Franceschini – affonda in un certo senso le radici nella realta’, perche’ in tanti, a un certo punto della vita, abbiamo immaginato di essere Buk o per lo meno di vivere come Buk, ispirati da Buk”.

Social

Paolo Roversi

Paolo Roversi è nato nel 1975. Scrittore, giornalista e sceneggiatore, vive a Milano. Con Marsilio, nel 2015 ha pubblicato il dittico Città rossa, due romanzi sulla storia della criminalità milanese degli anni Settanta e Ottanta: Milano criminale e Solo il tempo di morire (premio Selezione Bancarella, premio Garfagnana in giallo).
Nel 2016, sempre con Marsilio, ha pubblicato La confraternita delle ossa, il primo episodio di una serie con protagonista il giornalista hacker Enrico Radeschi che comprende anche i romanzi: La marcia di Radeschi (Mursia), La mano sinistra del diavolo (Mursia, premio Camaiore di Letteratura Gialla 2007), Niente baci alla francese (Mursia) e L’uomo della pianura (Mursia).
Gli altri suoi romanzi sono Taccuino di una sbronza (Morellini), PesceMangiaCane (Edizioni Ambiente) e L’ira funesta (Rizzoli).
I suoi libri sono tradotti in Francia, Spagna, Germania e Stati Uniti.
Collabora con quotidiani e riviste ed è autore di soggetti per serie televisive e cortometraggi.
È fondatore e direttore del NebbiaGialla Suzzara Noir Festival e del portale MilanoNera.
Social
Scopri il nuovo romanzo di Paolo Roversi: La confraternita delle ossa (Marsilio)

Autore: Paolo Roversi

Paolo Roversi è nato nel 1975. Scrittore, giornalista e sceneggiatore, vive a Milano. Con Marsilio, nel 2015 ha pubblicato il dittico Città rossa, due romanzi sulla storia della criminalità milanese degli anni Settanta e Ottanta: Milano criminale e Solo il tempo di morire (premio Selezione Bancarella, premio Garfagnana in giallo). Nel 2016, sempre con Marsilio, ha pubblicato La confraternita delle ossa, il primo episodio di una serie con protagonista il giornalista hacker Enrico Radeschi che comprende anche i romanzi: La marcia di Radeschi (Mursia), La mano sinistra del diavolo (Mursia, premio Camaiore di Letteratura Gialla 2007), Niente baci alla francese (Mursia) e L’uomo della pianura (Mursia). Gli altri suoi romanzi sono Taccuino di una sbronza (Morellini), PesceMangiaCane (Edizioni Ambiente) e L’ira funesta (Rizzoli). I suoi libri sono tradotti in Francia, Spagna, Germania e Stati Uniti. Collabora con quotidiani e riviste ed è autore di soggetti per serie televisive e cortometraggi. È fondatore e direttore del NebbiaGialla Suzzara Noir Festival e del portale MilanoNera.