Milano e la mala: la mia conferenza a Palazzo Morando

La Mala arriva a Milano. Sabato 16 dicembre alle ore 15 non prendete impegni perché racconterò la Mala di Milano a palazzo Morando. E lo farò partendo dal mio dittico Città Rossa composto dai romanzi Milano Criminale e Solo il tempo di morire.
Se il titolo della conferenza e il posto vi dicono qualcosa è perché è lì che si sta tenendo la bellissima mostra Milano e la Mala con foto, ritagli di giornali, oggetti e molto altro riguardante quegli anni.

Ecco di cosa parlerò

Anche Milano ha avuto i suoi eroi criminali. Erano gli anni del boom economico, dell’uomo sulla Luna, delle grandi passioni politiche e i banditi rapinavano le banche, assaltavano i furgoni portavalori e sfidavano la polizia in sparatorie a volto scoperto. Amavano i soldi e la bella vita, avevano le donne più affascinanti, bevevano champagne e indossavano abiti firmati. Volevano conquistare la città, e la presero con la forza. Paolo Roversi in “Milano criminale” e “Solo il tempo di morire”, racconta la grande saga della malavita degli anni Sessanta e Settanta, le atmosfere noir e i leggendari protagonisti di una Milano da film. La cronaca di un’epoca e di una città che guarderete con occhi nuovi.

Lo scrittore Paolo Roversi racconta al pubblico la mala milanese dal 1958 al 1984 attraverso due romanzi: Milano Criminale e Solo il tempo di morire. Insieme sono stati ribattezzati il dittico della Città rossa, perché Milano, in quegli anni lo era: di sangue, di bandiere, di fuochi, di lampeggianti…

 

Maggiori informazioni qui.

Il grande romanzo criminale milanese

La grande epopea della mala milanese raccontata in due straordinari romanzi: Milano Criminale e Solo il tempo di morire. Insieme sono stati ribattezzati la Città rossa, perché Milano, in quegli anni lo era: di sangue, di bandiere, di fuochi, di lampeggianti… Libri importanti, tradotti all’estero e di cui la stampa ha scritto recensioni lusinghiere.
Giancarlo De Catalado, creatore di Romanzo Criminale, ha avuto grandi parole di elogio per questi due romanzi, in particolare per Solo il tempo di morire:
decataldoEcco i link per acquistarli, in formato cartaceo o in ebook, sul vostro store preferito:

Solo il tempo di morireSolo il tempo di morire

Amazon
Kobo
Ibs
Bookrepublic
Feltrinelli

 

Milano CriminaleMilano Criminale

Amazon
Kobo
Ibs
Bookrepublic
Feltrinelli

Citazioni cult

Il mio ultimo romanzo Solo il tempo di morire sta esaurendo la sua corsa. Uscito nel febbraio 2015 verrà ripubblicato in edizione economica a settembre in concomitanza con il mio nuovo romanzo con protagonista Enrico Radeschi. Il tempo passa ma quel libro a me così caro continua a regalarmi soddisfazioni. Non solo perché è stato inserito fra i finalisti di un prestigioso premio giallo di cui ancora non posso riferire ma anche perché hanno cominciato ad estrapolarne delle citazioni cult insieme a quelle di altri autori del calibro di Don Delillo o Don Winslow. Ne hanno selezionate tre sul blog Bolabooks. Un esempio? Eccolo

Se i soldi non danno la felicità, figuriamoci la miseria

Le altre le potete leggere qui.

Schwarze Sonne über Mailand ovvero Solo il tempo di morire in tedesco

9783548286624_u4Esce oggi, 17 giugno 2016, l’edizione tedesca del mio fortunato romanzo Solo il tempo di morire. Lo pubblica la Ullstein la mia storica casa editrice di Berlino che ha già pubblicato anche Milano Criminale e due romanzi della serie Radeschi. Così come per Milano Criminale (che in Germania ha venduto moltissimo) anche il lancio di questo nuovo libro è in grande stile come potete vedere anche dalla foto qui sotto tratta dal catalogo della casa editrice e dalle quarta di copertina con lo strillo di Giancarlo De Cataldo. Una curiosità: hanno cambiato il titolo come spesso accade delle traduzioni. Suona tipo Il sole nero di Milano e non mi dispiace.
Se volete leggerlo in tedesco potete acquistarlo qui.

La presentazione del romanzo sul catalogo Ullstein
La presentazione del romanzo sul catalogo Ullstein

Un uomo della Bassa al festival delle Basse

Con un nome così potevo rifiutare?
Ecco dunque perché sabato 4 giugno – come si vede dalla foto qui sotto pubblicata sul sito – sarò ospite al festival delle Basse.
logo_head-1Sarà la penultima presentazione ufficiale di Solo il tempo di morire (l’ultima è una sorpresa e ve l’annuncerò appena mi daranno l’ok…)
Ci vediamo quindi sabato 4 giugno alle ore 20 alla VILLA CORRER, CASALE DI SCODOSIA (PD). Insieme a me, per un incontro dal tema Noir e gialli d’autore ci saranno gli scrittori Massimo Polidoro e Giovanni Ricciardi.
Vi aspetto.

basse2

 

I banditi della Milano criminale sbarcano in Sardegna al festival Leggendo Metropolitano

Scrivere libri aiuta a viaggiare. Non solo con la fantasia ma anche fisicamente. Grazie a Solo il tempo di morire, uscito nel febbraio 2015, ho percorso l’Italia in lungo e in largo (l’anno scorso col premio Bancarella molte tappe proprio in questo periodo dell’anno).

Nella homepage del festival con una foto di qualche anno fa...
Nella homepage del festival con una foto di qualche anno fa…

A settembre esce il nuovo romanzo pertanto le prossime saranno davvero le ultime presentazioni di questo libro che tanta fortuna mi ha portato.
Quella più vicina in ordine temporale sarà venerdì 3 giugno in una città da cui manco da molti anni: Cagliari. L’ultima volta c’ero stato a presentare Niente baci alla francese nel 2008, credo. Sabato sarò ospite di un festival molto importante giunto quest’anno alla sua ottava edizione: Leggendo Metropolitano. Tra gli  invitati ci sono Floris, Costantini, Cacciari, Abbate e tanti altri ancora.

leggendo metropolitana programma

L’appuntamento è alle ore 19.30 in piazza San Giacomo con l’incontro dal titolo Milano capitale dalla doppia faccia dove a presentarmi sarà l’inossidabile Luca Crovi.

Ecco i dettagli dell’incontro:

Milano è una città dinamica, efficiente, ricca di occasioni. È il vero centro del potere economico, è l’Italia che si specchia nei grandi numeri dell’Expo. Ma cosa si nasconde dietro l’immagine da esportazione? Dopo la stagione di Tangentopoli, la corruzione ha smesso di erodere le sue fondamenta? C’è anche una storia scritta dalla malavita fra gli anni Sessanta e Ottanta, che mostra un ritratto vivido e potente delle premesse oscure del nostro presente. Sembra che Milano capitale economica sia anche diventata la capitale immorale della nostra nazione. È solo una fase di passaggio oppure si può cambiare rotta?

leggendo metropolitano

Vi aspetto!