Workshop: presente e futuro

Il workshop a Torino è andato benissimo. Ambiente rilassato, studenti interessati e simpatici. Più tengo questi corsi, più mi rendo conto che parlare di scrittura sembra essere un modo per esorcizzare le brutture della vita di tutti i giorni, per lasciarle fuori dalla porta almeno per qualche ora…
L’esperienza, promossa insieme al Salotto Letterario, sarà riproposta nei prossimi mesi anche a Palermo, Cagliari, Milano e, in aprile, nuovamente a Torino.
Per i più impazienti, intanto, è già in programma un doppio workshop per sabato 10 e domenica 11 novembre presso la Libreria Artemisia di Massa. Alla Artemisia sono amiche e bravissime librarie. Vi troverete a vostro agio. Sabato si terrà il workshop base, domenica quello avanzato (programmi qui e qui).
Sarà come al solito un’occasione per conoscersi, divertirsi e immaginare nuove storie. Oltre che per andare a cena tutti insieme. 😉

Non diventerete come Gabo ma…

Non diventerete Ellroy, non assomiglierete a Proust, non scriverete come García Márquez né sarete in grado d’inventarvi un romanzo come Cent’anni di solitudine ma vi assicuro che vi divertirete e che, alla fine, avrete un’idea chiara su cosa significhi fare lo scrittore.
Potreste anche uscirne con una bella idea per il vostro romanzo. Potrebbe anche convincervi a lasciar perdere per sempre, oppure a diventare dei veri divoratori di libri. Forse vi fornirà qualche strumento, forse dimenticherete tutto appena finito. Insomma se siete liberi il 27 e il 28 ottobre, e se abitate dalle parti di Torino l’appuntamento (ed il programma con tutte le informazioni) è qui.
Iscrivetevi subito, perché, pare le richieste siano moltissime. Vai a capire perché 😉
Una precisazione: se non credete nei corsi di scrittura creativa leggete qui, è il mio punto di vista.