Premium Crime racconta NebbiaGialla #video #ng2014

Dopo la straordinaria edizione di NebbiaGialla 2014 ecco il bel servizio che Premium Crime Mediaset ha realizzato durante la kermesse. Voci, autori, immagini e molta atmosfera. Buona visione!

COSE CHE RACCONTERÒ IN TV: 5# Come si sceglie il titolo di un giallo #IRAFUNESTA @PREMIUMCRIME @RizzoliLibri #LIBRI #BOOKS

Il titolo è il passaporto con cui il tuo romanzo si presenta al mondo. È fondamentale. Deve raccontare senza svelare, descrivere e invogliare il lettore. Appena finito di scrivere questo romanzo avevo un titolo di lavoro alla Lina Wertmuller “Il giorno in cui il Gaggina impazzì e impugnò la katana” ma non aveva il giusto appeal. Ci voleva qualcosa di immediato, che rimanesse impresso. L’illuminazione mi è venuta mentre ero in auto. All’improvviso la radio ha passato una vecchia canzone di Franco Battiato “Cuccuruccucù Paloma” . Lì c’è un passaggio in cui si parla dell’ira funesta del popolo afgano… è perfetta ho pensato. Perfetta perché l’ira funesta è un titolo “alto” che a tutti ricorda i tempi della scuola quando si studiava il pelìde Achille nell’Iliade di Omero ma, al tempo stesso, è anche immediato perché calza a pennello con la mia storia, cioè quella di un matto di paese, che con la sua ira funesta tiene in scacco un intero paese…

Il resto lo potrete vedere su Premium Crime domenica 6 ottobre alle ore 22.

Ecco il promo:

COSE CHE RACCONTERÒ IN TV: 4# Il protagonista di un romanzo GIALLO #IRAFUNESTA @PREMIUMCRIME #LIBRI #BOOKS

1237879_10151839143789570_204381089_nIl protagonista di un giallo non deve necessariamente essere il classico investigatore privato alla Marlowe o un commissario di polizia alla Montalbano ma può fare un mestiere qualsiasi. Il giornalista, il medico legale oppure l’insegnante di scuola come nei romanzi di Margherita Oggero…
L’importante è che sia ben delineato, definito nei minimi dettagli. Tu come autore devi conoscerne vita, morte e miracoli come se fosse un tuo caro amico. Sapere cosa mangia, cosa beve, cosa guarda alla TV, tutto quanto. Ma soprattutto devi renderlo talmente credibile da fare in modo che il lettore vi si identifichi e non importa se spesso l’eroe sarà sopra le righe. Anzi è un bene che possieda qualche dote speciale, senza esagerare. Un esempio classico è Sherlock Holmes di Conan Doyle. Un investigatore molto particolare ma che noi lettori finiamo per ammirare e, anzi spesso, per immedesimarci.

Il Gaggina è il classico matto di paese, uno di quei tanti che si aggirano qui nella Bassa, ma penso anche in molte altre zone della provincia italiana. È un omone alto due metri che si crede la reincarnazione di un Samurai. Un giorno rimane senza le sue pillole calmanti, impugna la sua spada katana e si scatena. A quel punto è facile trasformarlo in un mostro se in paese avviene un omicidio…

Il resto lo potrete vedere su Premium Crime domenica 6 ottobre alle ore 22.

Ecco il promo:

COSE CHE RACCONTERÒ IN TV: 3# L’importanza dell’ambientazione nel GIALLO #IRAFUNESTA @PREMIUMCRIME #LIBRI #BOOKS

1237879_10151839143789570_204381089_nPerché tutto l’impianto del giallo regga occorre un’ambientazione conosciuta e credibile. Un luogo che se chiudi gli occhi ti ritrovi lì. Immaginiamo la Vigata creata dalla penna di Andrea Camilleri, la brughiera del Mastino dei Baskerville di Conan Doyle, la Barcellona colorata di Manuel Vasquez Montalban, la Marsiglia di aglio e prezzemolo di Jean Claude Izzo.

Balzac diceva che per interessare il mondo bisogna parlare del proprio giardino. In realtà quel che conta è l’universalità della vicenda, meglio conosci un posto, più lo rendi credibile nella narrazione. E più coinvolgi il lettore, più lo porti dentro, come si dice in gergo.

Io ho scelto un borgo rurale della Bassa, dal nome di fantasia, il Piccolo Russia, ma che esiste davvero. È un paesino affacciato sul Po e circondato dalla pianura padana. Un luogo dell’anima per quanto mi riguarda.

Il resto lo potrete vedere su Premium Crime domenica 6 ottobre alle ore 22.

Ecco il promo:

Cose che racconterò in TV: 2# Come si scrive un giallo #irafunesta @premiumcrime #libri #books

1235112_10151839137334570_1102222558_nPer scrivere un giallo si parte da evento misterioso e coinvolgente. Un mistero o un intrigo che ti obbliga a chiederti sin dall’inizio: chissà come andrà a finire?

Il segreto, poi, è nello sviluppo. Bisogna mantenere un ritmo di scrittura serrato, incalzante e centellinare le informazioni che si forniscono al lettore. Il mistero va svelato poco per volta mantenendo costantemente un’atmosfera di suspense. E poi bisogna mischiare le carte, ma con discrezione: devi portare il lettore verso una possibile soluzione, farlo sospettare di qualcuno che, però, si rivelerà poi innocente. Devi stupirlo insomma, ma senza barare: alla fine della storia tutto deve tornarne perfettamente come in un puzzle quando comprendi l’immagine che vi è raffigurata solo quando posizioni l’ultimo tassello…

Il resto lo potrete vedere su Premium Crime domenica 6 ottobre alle ore 22.

Ecco il promo: