Mantovani – I nipoti di Virgilio

mantovaniGuida ai migliori difetti e alle peggiori virtù
Edizioni Sonda, 2003

Collana Guide Xenofobe Italiane
€ 9.50

Fiero delle proprie origini, geloso delle tradizioni, orgoglioso della cucina, sempre pronto a tessere le lodi della propria terra. Ecco, in estrema sintesi, il ritratto del mantovano, un curioso personaggio intimamente convito che al centro di tutto ci sia Mantova e la sua provincia e attorno il nulla. Instancabile polemista, poco espansivo coi fùraster (forestieri) e talmente attaccato ai bèsi (soldi) da aver tradotto il latino “Pecunia non olet” in “I bèsi i ‘n spösa mia” (“I soldi non hanno odore”). Innamorato del Po e della nebbia, campanilista convinto (“Il lambrusco è meglio del Brunello”), ossessionato dall’apparire (“L’abito fa il monaco”), contorto nel modo di esprimersi (se fa freddo commenta “Incö as süda mia!” “Oggi non si suda”). E’ così attaccato al mito di Virgilio da avergli dedicato perfino una pera col marchio DOP.

Le recensioni

TestataDataTitolo articolo
18/05/2004I mantovani: un popolo coriaceo alla conquista del Sud America
18/11/2003Pregi e difetti nostrani, c’è la guida
29/04/2003Incontri con l’autore a Suzzara

L'autore Paolo Roversi

Scrittore, giornalista, sceneggiatore e organizzatore di festival crime. Grande appassionato di tecnologia. Tutto in ordine sparso. Bio completa qui

Leggi tutti gli articoli di Paolo Roversi →