Sangue corsaro nelle vene
Pubblicato il 01.09.2006
Radeschi's version - il blog di Paolo Roversi

SANGUE CORSARO NELLE VENE – Avventurose riscritture dalla Jolanda di Emilio Salgari
Per acquistare online vedi qui.
La t-shirt puoi trovarla ancora disponibile su Ebay!!!
L’antologia “Sangue Corsaro nelle vene. Avventurose riscritture dalla Jolanda di Emilio Salgari” include ventitrè racconti: i tre vincitori del concorso, Scilla Bonfiglioli, Paolo Giordano e Maria Francesca Zini ed i racconti di venti scrittori affermati da noi invitati a cimentarsi con il personaggio di Jolanda. Questi i loro nomi: Paolo Agaraff, Roberto Barbolini, Antonio Barocci, Matteo Bortolotti, Davide Bregola, Cristiano Brignola, Cristian Cizmar, Alfredo Colitto, Gianluca Di Dio, Marco Felicioni, Emanuele Ferrari, Alessandro Ghebreigziabiher, Kai Zen, Luca Masali, Gianluca Morozzi, Donatella Placidi, Federico Platania, Barbara Pumhösel, Paolo Roversi e Silvia Torrealta
Il volume esce nella collana Romanzi per la Bacchilega editore, con licenza copyleft

PREFAZIONE (a cura delle redattrici di Mompracem)
“Sangue corsaro nelle vene” è l’incontro di due rotte narrative: un concorso letterario ed un’antologia di racconti. Quando Festivaletteratura ha lanciato, con “Qui comincia la lettura” la promozione di “Jolanda, la figlia del Corsaro Nero” di Emilio Salgari, ci siamo sentite chiamate in causa. Il tema dell’avventura, un’eroina che si trasforma in corsara, la pirateria, ci hanno perigliosamente spinte lontane dalle acque conosciute: così è nato il concorso letterario “Scrivi di… Jolanda”, come un azzardo, una scommessa in cui abbiamo trascinato scrittori e lettori, amici e amiche. Il concorso chiedeva di riscrivere il personaggio salgariano di Jolanda, lasciando libertà assoluta nella sua reinterpretazione e nel genere letterario a disposizione del concorrente. Come premio semplice, ma ambito, abbiamo pensato alla pubblicazione. Abbiamo così proposto -fuori concorso- a venti autori di cimentarsi a loro volta nell’impresa, regalandoci un loro racconto su Jolanda. La possibilità di stare fianco a fianco con il proprio racconto a venti autori noti è piaciuta, e molti – occorre dirlo – hanno partecipato e inviato racconti. Tutti hanno dovuto rileggere, se già non lo avevano fatto, Salgari.
Offrire Jolanda per una fanfiction è un po’ come fornire una cassetta degli attrezzi e dei materiali: ne sono venuti fuori innesti e variazioni alla storia di Emilio Salgari, ma anche veri e propri ibridi letterari.
La scrittura come gioco e come pratica artigianale (spesse volte collettiva) spopola nell’universo indefinito della rete: questo è il luogo in cui il confine tra scrittore e lettore appassionato è più labile e permette anche al più timido di tentare nell’impresa. Portare questo esercizio di appropriazione della letteratura (e del suo immaginario) all’editoria tradizionale era una delle nostre scommesse. Da qui discende, per ovvie ragioni, la scelta del copyleft.
Infine, aver collocato Emilio Salgari al centro di un concorso e di un’antologia ha confermato i favori che il Nostro riscuote ancora presso il pubblico d’oggi, anche tra le giovani generazioni: non è forse un caso che i tre vincitori del concorso siano nati tra il 1983 e il 1970!
Le sue storie si sono rivelate sorprendentemente feconde e vitali, oltre ogni nostra aspettativa: alla loro capacità di generare storie, al sangue corsaro che scorre nelle vene di tutti noi, è dedicato questo libro.

Social

Paolo Roversi

Paolo Roversi è nato nel 1975. Scrittore, giornalista e sceneggiatore, vive a Milano. Con Marsilio, nel 2015 ha pubblicato il dittico Città rossa, due romanzi sulla storia della criminalità milanese degli anni Settanta e Ottanta: Milano criminale e Solo il tempo di morire (premio Selezione Bancarella, premio Garfagnana in giallo).
Nel 2016, sempre con Marsilio, ha pubblicato La confraternita delle ossa, il primo episodio di una serie con protagonista il giornalista hacker Enrico Radeschi che comprende anche i romanzi: La marcia di Radeschi (Mursia), La mano sinistra del diavolo (Mursia, premio Camaiore di Letteratura Gialla 2007), Niente baci alla francese (Mursia) e L’uomo della pianura (Mursia).
Gli altri suoi romanzi sono Taccuino di una sbronza (Morellini), PesceMangiaCane (Edizioni Ambiente) e L’ira funesta (Rizzoli).
I suoi libri sono tradotti in Francia, Spagna, Germania e Stati Uniti.
Collabora con quotidiani e riviste ed è autore di soggetti per serie televisive e cortometraggi.
È fondatore e direttore del NebbiaGialla Suzzara Noir Festival e del portale MilanoNera.
Social
Scopri il nuovo romanzo di Paolo Roversi: La confraternita delle ossa (Marsilio)

Autore: Paolo Roversi

Paolo Roversi è nato nel 1975. Scrittore, giornalista e sceneggiatore, vive a Milano. Con Marsilio, nel 2015 ha pubblicato il dittico Città rossa, due romanzi sulla storia della criminalità milanese degli anni Settanta e Ottanta: Milano criminale e Solo il tempo di morire (premio Selezione Bancarella, premio Garfagnana in giallo). Nel 2016, sempre con Marsilio, ha pubblicato La confraternita delle ossa, il primo episodio di una serie con protagonista il giornalista hacker Enrico Radeschi che comprende anche i romanzi: La marcia di Radeschi (Mursia), La mano sinistra del diavolo (Mursia, premio Camaiore di Letteratura Gialla 2007), Niente baci alla francese (Mursia) e L’uomo della pianura (Mursia). Gli altri suoi romanzi sono Taccuino di una sbronza (Morellini), PesceMangiaCane (Edizioni Ambiente) e L’ira funesta (Rizzoli). I suoi libri sono tradotti in Francia, Spagna, Germania e Stati Uniti. Collabora con quotidiani e riviste ed è autore di soggetti per serie televisive e cortometraggi. È fondatore e direttore del NebbiaGialla Suzzara Noir Festival e del portale MilanoNera.