Fra Don Camillo e Kill Bill: Wuz recensisce l’ira funesta #irafunesta

wuz
Per alcuni versi un certo modo di vivere, quel modo di essere provincia, è rimasto intatto, ma la Storia invece è andata avanti, e Roversi è bravo a sovrapporre senza stonare, tradizione e moderno, Don Camillo e Kill Bill
e ancora
Un campionario di personaggi strepitosi e surreali al punto giusto destabilizzano un territorio, quello della Bassa (la striscia di Pianura Padana che corre lungo il Po), che nell’immaginario letterario di molti, era il luogo delle disfide guareschiane. Paolo Roversi ci ambienta un giallo frizzante come un lambrusco, la coca cola che viene servita quasi di default nei bar della Bassa.

Sono due stralci della bella recensione pubblicata da Wuz.it uno dei principali portali letterari d’Italia. La recensione completa la potete leggere qui.

Summer time

Ci siamo anche quest’anno. Finalmente. Tre settimane off fra mare e montagna, con in mezzo qualche viaggio in auto per le strade d’Italia. E’ tutto pronto: la scorta di un centianaio di libri (ne leggerò cinque o sei ovviamente ma aver scoperto gli ebook sul tablet ti permette certi lussi…) e anche la scaletta per i primi capitoli del nuovo romanzo. Sarà un ritorno alle origini, alla Bassa e per questo, oltre a sopralluoghi mirati, sto rileggendo tutto Guareschi (ma quanto scriveva bene?). Insomma sarò poco in rete (leggi quasi mai) se non sporadicamente qui su FB e costantemente su Twitter (seguitemi cliccando qui) che ho eletto a social network del domani. Essenziale, pratico e sopratutto ricco di notizie interessanti. Buone vacanze a tutti.