La prima indagine del ficcanaso Radeschi

Sabato scorso la Gazzetta di Parma ha dedicato un lungo e lusinghiero articolo al mio nuovo romanzo La confraternita delle ossa.
Ecco alcuni estratti:

Un romanzo che mantiene sempre alta la tensione narrativa ma che, talvolta, riesce a smorzare i toni neri con ironia

E ancora

Con «La confraternita delle ossa», Roversi fa un viaggio nel tempo e ci mostra un Radeschi decisamente diverso da quello attuale: più imbranato e meno tecnologico, comunque
sempre in difficoltà con le donne. E alla ricerca del suo grande amore motoristico: il famoso Giallone, una Vespa del 1974

Potete leggere l’articolo completo cliccando sull’immagine qui sotto.

gazzetta_parma_17092016

On the road con la confraternita #aspettandoRadeschi

Aspettando che Radeschi arrivi in libreria, in giro per il mondo c’è una piccola pattuglia di lettori che ha avuto la possibilità (e la ventura) di leggere il mio nuovo romanzo La confraternita delle ossa in anteprima.
Molti di loro se lo sono portato in vacanza, altri in città, altri in luoghi davvero inconsueti…
Tutti hanno scattato delle foto. Parecchie foto, al punto che ho deciso, a partire da oggi, di postarne tre o quattro al giorno in attesa della data ufficiale d’uscita del romanzo: l’8 settembre 2016.

Sarà un viaggio davvero straordinario, degno di Pechino Express dato che il romanzo è stato avvistato praticamente ovunque: dalla Corea a Bangkok, da Tokyo al Tropico del Capricorno, dalla Spagna alla Sardegna, da Bruxelles a Berlino, dalle Dolomiti al Salento, dalla Liguria alla riviera Adriatica… E Radeschi gli è sempre stato accanto seguendo i suoi lettori in sella al suo fedele Giallone.
Confraternita delle OssaQuindi a partire da oggi potete seguire questo viaggio sui social cercando gli hashtag #confraternitaossa #Radeschi #aspettandoRadeschi #instaRadeschi
Se poi il desiderio di leggere la Confraternita delle Ossa prima del tempo coglie anche voi potete attenuarlo scaricando gratis il primo capitolo qui.

 

Delitto nella stanza chiusa: un’indagine di Radeschi gratis per la confraternita dei lettori!

S’intitola: Delitto nella stanza chiusa ed è un racconto in formato ebook fuori commercio. Un’indagine inedita di Enrico Radeschi che potete leggere gratis e in anteprima se deciderete ti partecipare alla confraternita dei lettori (qui è spiegato per bene in cosa consiste e qui c’è anche qualche informazione in più sulla squadra internazionale che si sta creando..)

La trama

Una setta segreta dei giorni nostri, pensa il giornalista-hacker Enrico Radeschi quando il suo caporedattore gli chiede di infiltrarsi in una misteriosa cerchia di adepti con sede in corso di Porta Ticinese. Il nome è enigmatico: The Impossibile Society. Una volta arrivato sul posto, però, Radeschi si imbatte nella polizia, e il suo intento di fingersi un seguace della setta sfuma. Ad accoglierlo è il vicequestore Loris Sebastiani, suo amico e compagno di molte indagini, che lo mette al corrente dell’accaduto: uno dei membri della Società è stato
trasportato in ospedale in fin di vita. A preoccupare il poliziotto è un dettaglio inquietante: sembra che a ridurre in quello stato l’adepto sia stata una misteriosa stanza chiusa…

Come inizia

«L’infiltrato? Ho capito bene? Vuoi che faccia l’infiltrato?»
«Cos’è, ti sei incantato Enrico? E poi stai sereno; mica devi andare
fra i Narcos in Messico! Si tratta solo di un’inchiesta sotto copertura.
Ordinaria amministrazione per te!»
«Come no. E se mi scoprono?»
«E cosa ti deve succedere, Enrico? Ti fanno fuori?»
«Eh.»
«Ma va’ là, sbarbà!»
«Senti Beppe, non mi sembra il caso…»
«Sì o no? Guarda che ci mando un altro? E i soldi – il doppio di
quello che ti pago di solito – se li becca lui. Senza contare che andrà
sulle pagine nazionali.»
Sospiro. Vorrei mandarlo a fare in culo ma Beppe Calzolari, il mio
caporedattore, sa benissimo che dirò di sì. Sono costantemente in
bolletta, e il doppio della paga per me e il mio cagnolone Buk, che
viviamo di quello che ci paga il giornale, sarebbe una manna dal cielo.
Ne verrebbe fuori un bel pezzo. Un articolo pubblicato
sull’edizione nazionale del quotidiano, non solo sulle pagine milanesi.
Potrebbe essere la svolta. O la fine.

Scarica l’ebook gratis compilando il modulo della confraternita dei lettori.

Entra nella confraternita dei lettori per leggere gratis (e in anteprima) il nuovo romanzo con Radeschi #confraternitaossa

Finalmente ci siamo: è arrivato il momento di costruire insieme ai miei lettori qualcosa di molto speciale! Mi rivolgo proprio a te: da oggi, se lo desideri, puoi entrare a far parte di un gruppo di lettori fidati, anzi meglio della mia confraternita dei lettori nata per il lancio del romanzo La confraternita delle ossa – la prima indagine di Enrico Radeschi, il mio romanzo in uscita l’8 settembre 2016.
Confraternita delle ossa - copertinaChe cos’è la Confraternita dei lettori?
Si tratta di un gruppo di persone che leggerà gratuitamente e in anteprima il romanzo ed entrerà a far parte con me di un gruppo chiuso su Facebook, dove ci scambieremo idee e metteremo in piedi progetti e iniziative per il lancio del romanzo.
L’ambizioso obiettivo sarà quello di fare in modo che La confraternita delle ossa possa entrare nella classifica dei romanzi più letti del mese di settembre! Vuoi essere dei nostri?
Saremo qualcosa a metà tra un gruppo di lettura, una fucina di idee e di proposte e una bottega artigiana. La confraternita è aperta a tutti!
Se l’idea ti piace, compila questo questionario: http://bit.ly/confraternita-lettori e riceverai subito in omaggio un ebook inedito con protagonista Enrico Radeschi!
Ricorda però: i posti sono limitati.
Esperienze simili realizzate da altri scrittori (come ad esempio il mio amico Massimo Polidoro) hanno ottenuto richieste da centinaia di persone ma i posti disponibili – decisi in accordo con l’editore – sono solo 100. Quando compili il questionario, quindi, fammi capire perché dovrei scegliere proprio te e cos’hai di speciale che potrebbe contribuire alla riuscita del progetto.
Chi saprà essere più convincente entrerà nella squadra!
copertina_delittostanzachiusaLe iscrizioni si chiuderanno alla mezzanotte del 24 luglio 2016 e per ripetere l’esperienza (se avremo modo di ripeterla) bisognerà aspettare almeno un anno.

A tutti – nessuno escluso – quelli che compileranno il modulo verrà inviato gratuitamente un mio ebook con un racconto inedito con protagonista Enrico Radeschi non in commercio dal titolo Delitto nella stanza chiusa la cui copertina vedete qui a fianco.
Cogli questa occasione, ti assicuro che ci divertiremo: http://bit.ly/confraternita-lettori

I dolori del giovane Radeschi: qualche anticipazione sul nuovo romanzo

Dieci anni di Radeschi e decimo romanzo. Un traguardo importante che vedrà la luce fra due mesi esatti, l’8 settembre quando arriverà in libreria La confraternita delle ossa – la prima indagine di Enrico Radeschi per l’editore Marsilio.
Perché la prima indagine? Perché quella che leggerete sarà la prima avventura in assoluto (in ordine temporale) del mio personaggio. Sarà quindi un prequel con una grande novità: la narrazione avverrà in prima persona perciò la storia verrà raccontata proprio da Enrico, giovane cronista di ventisei anni che arriva a Milano alla fine del 2001. Non è ancora un hacker, non possiede nemmeno la sua vespa del 1975, il Giallone, né il suo fedele cane Buk.
Questo perlomeno all’inizio del romanzo…
Per ora non vi svelo altro oltre alla trama che potete leggere qui.
Confraternita delle ossa - copertinaVi ricordo però che, in accordo con la casa editrice, abbiamo pensato a un premio per un gruppo selezionatissimo di lettori: la possibilità di leggere gratuitamente e in anteprima il nuovo romanzo!
Come ve lo spiegherò la settimana prossima su questo sito. Se volete essere sicuri di non perdervi l’articolo (per venire selezionati la velocità sarà tutto dato che i posti sono limitati) iscrivetevi al blog così da ricevere gli aggiornamenti via mail in tempo reale.

L’importante è finire (il nuovo romanzo)

Quando arrivi in prossimità della deadline – cioè la fatidica data di consegna del tuo nuovo romanzo – pensi a molte cose.
Innanzi tutto se hai fatto un buon lavoro e se la gente là fuori sarà davvero interessata a leggere quello che tu, con tanta fatica, stai finendo di scrivere. Di rileggere, di limare…
Quindi ti convinci che, comunque, il traguardo è ancora lontano visto che manca ancora la fase di editing, la correzione delle bozze e così via.
Generalmente si arriva sfiniti a questo punto. Almeno per me è così: devo consegnare a fine mese e le mie ultime settimane sono state davvero intense al punto che vedo Radeschi e la sua vespa gialla ovunque!
Ciò nonostante io preferisco, da sempre, lavorare con una scadenza precisa. Mi permette di focalizzare l’obiettivo, di pianificare tempi e modi, insomma di organizzarmi al meglio.

riscrivereQuattro stesure

Attualmente sono alla fase di revisione\riscrittura del testo. Penso che prima della consegna avrò fatto almeno quattro stesure del romanzo. E ne prevedo altrettante, dopo.
Essere insoddisfatti credo faccia parte del mestiere di scrivere. Solo gli sciocchi possono pensare che sia (sempre) buona la prima. Scrivere è fatica e, come ho già detto, scrivere significa sopratutto riscrivere.

sollievoUn momento di sollievo

Quando finalmente invii il manoscritto ti senti come liberato da un peso, leggero. Questo stato di spensieratezza, però, dura solo qualche giorno. Poi cominci a interrogarti: piacerà il mio libro all’editor? E ai lettori?
A questo punto comincia un’altra lunga attesa: il tuo lavoro, se va bene, arriverà in libreria dopo quattro o cinque mesi, a volte anche di più…
E siccome su questo non hai nessun controllo non ti resta che concentrarti su quello che puoi fare nell’immediato vale a dire: rileggere, correggere e consegnare.
Come in quella canzone di Mina il mio mantra attuale dunque è: l’importante è finire