Radeschi in finale al premio Scerbanenco? Basta un voto online

A quanto pare il mio romanzo La confraternita delle ossa è semifinalista al premio Scerbanenco 2016. Siamo in 24 e per entrare nella cinquina dei finalisti mi occorre anche l’aiuto dei lettori. Come? Con un voto online che potete esprimere qui (bisogna registrarsi ma ci mettete un minuto) : http://www.noirfest.com/2016/scerbanenco.asp
Potete esprimere fino a cinque preferenze ma anche una soltanto: occhio che se non lo fate Radeschi vi hackera il PC!
Grazie per l’aiuto e mi raccomando: fatelo subito perché c’è tempo solo fino alla mezzanotte del 22 novembre.

Panorama recensisce la Confraternita delle Ossa: una Milano sospesa fra Scerbanenco e Dan Brown

L’attesa è finita: domani, finalmente, arriva in libreria il mio decimo romanzo: La confraternita delle ossa.
Sono felice anche perché la prima recensione uscita ieri su Panorama è strepitosa già a partire dal titolo che richiama il maestro Scerbanenco e un grande autore di bestseller come Dan Brown.
Eccone un estratto:

(Roversi) dopo una parentesi lunga quasi sette anni riporta in pagina Enrico Radeschi, azzeccato personaggio seriale dell’autore: giornalista freelance, hacker, amico degli sbirri, batte la città in sella a un vespone giallo, ha un approccio bukovskiano alla vita e una tendenza innata a complicarsela. Un po’ come il suo autore, che invece di seguire la comoda via dell’evoluzione del protagonista sceglie di catapultarlo in una sorta di prequel, misurandosi con la sua formazione investigativa e con un territorio urbano, quello dei primi anni Duemila, quasi completamente privo dei feticci tecnologici che oggi riempiono la produzione scritta e televisiva.

Non contento, Roversi mischia ulteriormente le carte con una trama che si discosta progressivamente dal giallo classico per abbracciare Dan Brown: si comincia dall’omicidio di un noto avvocato nella centralissima piazza dei Mercanti per arrivare alla misteriosa confraternita dei Disciplinati, che si è autoattribuita il compito di ristabilire l’ordine morale in un’Italia allo sbando. Nel mezzo indagini serrate, altre morti misteriose in alcune delle quali non è difficile riconoscere episodi reali (come lo schianto di un biplano contro il Pirellone che, a pochi mesi di distanza dagli attentati dell’11 settembre, gettò nel panico per qualche ora la città), cripte segrete e l’inevitabile femme fatale. Un thriller incalzante, dove nulla è come sembra fino allla fine, scritto con una prosa efficace e immediata.

L’articolo completo può essere letto qui.

#NoirSide Scerbanenco inedito, Morchio e il nuovo Bacci Pagano, Pandiani, Lisa Hilton e bollicine noir

Quelli appena trascorsi sono stati giorni davvero intensi per il noir italiano.  Tutto è cominciato una settimana fa con l’uscita in libreria del primo romanzo inedito del maestro del giallo italiano: Giorgio Scerbanenco.
Poi due graditi ritorni: Enrico Pandiani con un nuovo romanzo della serie Les Italiens e, oggi, Bruno Morchio con un’avventura inedita di Bacci Pagano che recensiamo in anteprima.
Sempre su MilanoNera, inoltre, abbiamo parlato del romanzo noir-erotico di Lisa Hilton bestseller internazionale.

Se amate leggere anche romanzi non di genere, questa settimana, per la rubrica #incipitdelladomenica ho parlato di quel capolavoro di libro che è La versione di Barney.
Se invece siete interessati alla scrittura creativa, lunedì ho affrontato il tema della revisione di un romanzo, cioè quando il tuo manoscritto passa nelle mani dell’editor.
C’è stato spazio anche per una parentesi bukowskiana che mi ha riportato indietro di undici anni di cui ho raccontato qui.
Chiudo ricordandovi un appuntamento in noir che si terrà stasera, 26 maggio, a Milano. Vi aspettiamo al Cafè Clubino con Noir e bollicine un evento della collana Calibro 9 in cui si brinderà al nuovo romanzo di Francesco Lugli Il risveglio della notte.
Anche per questa settimana è davvero tutto. Arrivederci alla prossima con NoirSide.


Questa rubrica fa parte della newsletter NoirSide.
Per inviare segnalazioni di eventi, libri o altro completare questo modulo

Iscriviti a NoirSide e ricevi una mail con tutto il meglio del giallo e del noir della settimana direttamente nella tua casella di posta!

[mc4wp_form id=”4700″]

Noi scrittori calibro 9 figli di Scerbanenco

20140105_135905Domenica scorsa (mentre in contemporanea sul Corriere della Sera compariva il mio romanzo in cento parole) il quotidiano La Repubblica, nella pagine milanesi, ha pubblicato un’intervista al sottoscritto, a firma Annarita Briganti, in cui si parla della nuova collana Calibro 9 da me diretta e pubblicata da Novecento. L’occasione è stata buona per scomodare il maestro Scerbanenco e per fornire qualche anticipazione riguardo all’imminente NebbiaGialla.
Il pezzo è qui sopra, a portata di click.
Buona lettura.

Nasce una nuova collana noir, Calibro9, ispirata a Scerbanenco

Giorgio ScerbanencoComincia per me una nuova avventura in giallo e noir. A partire da novembre, infatti, dirigerò una collana dedicata al poliziesco per l’editore Novecento che si chiamerà Calibro 9.  Il nome, come avrete intuito, è un esplicito omaggio a Giorgio Scerbanenco perché, per la scelta dei romanzi da pubblicare mi ispirerò proprio a lui, il maestro indiscusso – e insuperato per quanto mi riguarda – del giallo italiano.
Dedicherò particolare attenzione alle storie metropolitane, quelle che raccontano le grandi città italiane – Milano, Roma, Torino, Napoli e così via – e ne descrivono il lato oscuro.
Saranno essenzialmente romanzi di tre tipi: gialli classici, noir d’atmosfera o polizieschi puri di quelli, per intenderci, con l’investigatore alla Duca Lamberti o, tanto per stare in tema con un maestro d’Oltralpe, il commissario Maigret.

logo_Calibro_9Il prezzo dei volumi sarà contenuto, sotto i dieci euro, e anche sul numero di pagine ho le idee chiare: sono alla ricerca di testi veloci, immediati, “da bere in fretta” insomma, proprio come i romanzi di Georges Simenon o dello stesso Giorgio Scerbanenco.
Sarà una collana dalla parte dei lettori di crime, tradizionalmente molto esigenti. Lettori in cerca di atmosfere, suspense e di storie che, al tempo stesso, li stupiscano, li divertano e li intrighino. Io cercherò di scovare proprio queste storie per la collana Calibro 9.

 

Bookcity: quando Milano diventa criminale

Ultima uscita dell’anno per il mio romanzo Milano Criminale (Rizzoli) che, a quasi due anni dalla pubblicazione, continua a essere letto, presentato, recensito…
L’occasione è di quelle importanti: ne parlerò a Bookcity il primo festival della letteratura di Milano. Insieme a me Piero Colaprico, Bruno Morchio, Cecilia Scerbanenco e Paride Marseglia. L’appuntamento è per domenica 18 novembre 2012 alle ore 16.30 presso Palazzo Morando in via Via Sant’Andrea 6 a Milano.
Tutte le info qui.