Domani su Rai3 alla trasmissione Petrarca

Il mio romanzo Cartoline dalla fine del mondo (Marsilio) arriva in TV ed io con lui direttamente da piazza del Duomo!
Vi racconterò la Milano di Leonardo da Vinci e la Milano di Enrico Radeschi. Quando?
Domani, 26 maggio, su Rai3 nel corso della trasmissione culturale Petrarca che andrà in onda a partire dalle 12.55 ( se ve la perdete potrete rivederla qui)
Buona visione e se vi siete incuriositi leggete il romanzo!

Dragon la prima serie TV che si legge su Amazon Kindle

Oggi ne compio quarantadue. E penso non ci sia modo migliore di festeggiare se non quello di annunciarvi che presto verrà pubblicata una nuova serie crime. Manca ancora un po’ di tempo così per il momento mi limito solo a fornirvi qualche anticipazione.

legge del drago

Sarà la prima serie crime di Amazon Publishing e si chiamerà Dragon.
Sarà la prima serie TV da leggere su Kindle.
dragoLogoI romanzi della serie NON li troverete in libreria: saranno disponibili e ordinabili solo su Amazon sia in formato epub che cartaceo.
Il nome dell’autore è Lorenzo Visconti cioè io sotto pseudonimo dichiarato.
Perché lo pseudonimo? Perché si tratta di un progetto nuovo e diverso da tutti quelli che ho fatto in precedenza.  Per me è stato un po’ come scrivere una serie TV per Netflix: un prodotto che si vende (e si legge su Kindle) solo online in cui poter osare cose diverse.
Lorenzo Visconti è il protagonista (e l’autore) della serie e racconterà le sue avventure in prima persona.
Lorenzo Visconti è un ex sbirro ed ha un soprannome: Drago.
Ci sono due #hashtag che potete usare sui social: #laleggedeldrago e #dragonlaserie

La copertina de La legge del Drago di Lorenzo Visconti pubblicato da Amazon Publishing
La copertina de La legge del Drago di Lorenzo Visconti pubblicato da Amazon Publishing

Il primo romanzo, La legge del Drago uscirà ad aprile (sul sito potete già prenotarlo; c’è scritto che verrà pubblicato a maggio ma secondo me riusciremo ad essere pronti per Tempo di Libri…).
Nei prossimi giorni arriverà un sito dedicato alla serie e un trailer (che è bellissimo!)…
Di tutto questo però vi racconterò nel dettaglio a tempo debito.
Se morite dalla curiosità potete diventare fan su Facebook della pagina del Drago dove mano a mano posterò tutte le informazioni. Grazie!

Striscia la notizia raccomanda La confraternita delle ossa – video

L’anno nuovo per il sottoscritto e il suo personaggio seriale Enrico Radeschi inizia nel migliore dei modi. Ieri sera, infatti, all’interno del programma Striscia la notizia uno dei conduttori, Ezio Greggio, ha consigliato la lettura del mio thriller La confraternita delle ossa edito da Marsilio.
Se ve lo siete perso ecco il filmato qui di seguito.

I due ingredienti che servono per scrivere un bestseller

Per scrivere un buon libro, che ci auguriamo diventi un bestseller, occorrono due ingredienti fondamentali anche se solo una è veramente essenziale: uno stile dignitoso e una buona (meglio se ottima) idea.

Questione di stile e di fantasia

Lo stile vi caratterizza, dà un’impronta chiara alla vostra storia, vi fa riconoscere, può far brillare di luce propria anche qualcosa che di luce proprio non ne ha. Ciò nonostante, l’ingrediente più importante, e imprescindibile, di qualsiasi storia resta l’idea. Un romanzo, un racconto, ma anche qualsiasi altro tipo di scritto, non può basarsi soltanto sullo stile, sulla bella scrittura. Non sarebbe sufficiente. Non si può prescindere dalle idee, dallo stile forse sì, anzi lo si fa spesso; il mondo dell’editoria lo dimostra: si pubblica più facilmente un libro scritto male ma pieno di idee che un capolavoro di lingua e stile senza però un briciolo di fantasia. La fantasia è materiale quanto mai raro e prezioso oggi.
Viviamo in un’epoca in cui cinema, TV, fiction e naturalmente montagne di libri ci hanno già raccontato quasi tutto. Attenzione giovani scrittori, ciò che potrà fare la vostra fortuna è proprio quel quasi: raccontate qualcosa di diverso, con idee nuove e vedrete che i risultati non tarderanno ad arrivare.

COSE CHE RACCONTERÒ IN TV: 5# Come si sceglie il titolo di un giallo #IRAFUNESTA @PREMIUMCRIME @RizzoliLibri #LIBRI #BOOKS

Il titolo è il passaporto con cui il tuo romanzo si presenta al mondo. È fondamentale. Deve raccontare senza svelare, descrivere e invogliare il lettore. Appena finito di scrivere questo romanzo avevo un titolo di lavoro alla Lina Wertmuller “Il giorno in cui il Gaggina impazzì e impugnò la katana” ma non aveva il giusto appeal. Ci voleva qualcosa di immediato, che rimanesse impresso. L’illuminazione mi è venuta mentre ero in auto. All’improvviso la radio ha passato una vecchia canzone di Franco Battiato “Cuccuruccucù Paloma” . Lì c’è un passaggio in cui si parla dell’ira funesta del popolo afgano… è perfetta ho pensato. Perfetta perché l’ira funesta è un titolo “alto” che a tutti ricorda i tempi della scuola quando si studiava il pelìde Achille nell’Iliade di Omero ma, al tempo stesso, è anche immediato perché calza a pennello con la mia storia, cioè quella di un matto di paese, che con la sua ira funesta tiene in scacco un intero paese…

Il resto lo potrete vedere su Premium Crime domenica 6 ottobre alle ore 22.

Ecco il promo: