Partite per le vacanze con Cartoline dalla fine del mondo (lo consigliano i librai Feltrinelli!)

Estate tempo di vacanze ma anche di buone letture sotto l’ombrellone.
Ecco allora che cade a fagiolo la bella iniziativa dei librai Feltrinelli che hanno scelto 100+1 libri da leggere durante le ferie. E indovinate un po’?  Il vecchio Radeschi con Cartoline dalla fine del mondo (marsilio) è uno dei centouno libri selezionati (e GARANTITI) con tanto di lusinghiera recensione (che trovate qui a fianco).  Avete già recuperato la vostra copia?
Buona lettura e buona estate!

P.S. Se partite… mandate una cartolina!

Buoni libri da portare in vacanza e un altro paio di consigli #NoirSide

Ci avviciniamo alle vacanze (alcuni ci saranno già) così ecco tre titoli che MilanoNera consiglia di portare con voi:

  1. CHINA GIRL. LE INDAGINI DI NEAL CAREY- DON WINSLOW – EINAUDI 
  2. INCUBO- WULF DORN – CORBACCIO 
  3. LA SOSTANZA DEL MALE- LUCA D’ANDREA – EINAUDI

Per coloro che poi approfitteranno delle ferie per scrivere ecco un paio di articoli che vi possono interessare. Il primo vi spiegherà quali sono i due ingredienti che servono per scrivere un bestseller il secondo, una volta ultimato  il libro, gli sporchi trucchi da autore esordiente per trovare l’editore.
Fino a domenica, poi, siete ancora in tempo per  leggere gratis il racconto Delitto nella stanza chiusa: un’indagine di Radeschi e anche per iscrivervi alla confraternita dei lettori.
Chiudiamo con un appuntamento imperdibile da mettere in calendario : il 18 settembre torna il Milano in bionda 2016! Qui tutti i dettagli.
Buona lettura con Noirside!


Questa rubrica fa parte della newsletter NoirSide.
Per inviare segnalazioni di eventi, libri o altro completare questo modulo

Iscriviti a NoirSide e ricevi una mail con tutto il meglio del giallo e del noir della settimana direttamente nella tua casella di posta!

[mc4wp_form id=”4700″]

La vera vacanza è andare in ferie dentro alle proprie storie

Libro_vacanze_spiaggiScrivere è un lavoro a tempo pieno. E non si finisce (quasi) mai. Un romanzo, un racconto, un pezzo per il giornale…
Ma quello che conta sono le storie, il resto è solo rumore di fondo. Quando quella storia ce l’hai, tutto quello che ti sta intorno passa in secondo piano. Come il corridore che vede il traguardo lì, alla portata.
Io quella storia ce l’ho, sono anni che me la cullo, e ora sono in dirittura finale per completarla. Consegna dopo l’estate, in libreria con l’anno nuovo. I tempi sono contingentati. Le scadenze fissate. Ma non è un male: sapere di DOVER finire mi rende più disciplinato, più attento e perfino euforico. Quindi ecco le mie vacanze di scrittura. Meglio che un tuffo in piscina, meglio che una spiaggia affollata, meglio di un ombrellone e uno sdraio presi a nolo. La mia vera vacanza è andare in ferie dentro alle mie storie…

Summer time

Ci siamo anche quest’anno. Finalmente. Tre settimane off fra mare e montagna, con in mezzo qualche viaggio in auto per le strade d’Italia. E’ tutto pronto: la scorta di un centianaio di libri (ne leggerò cinque o sei ovviamente ma aver scoperto gli ebook sul tablet ti permette certi lussi…) e anche la scaletta per i primi capitoli del nuovo romanzo. Sarà un ritorno alle origini, alla Bassa e per questo, oltre a sopralluoghi mirati, sto rileggendo tutto Guareschi (ma quanto scriveva bene?). Insomma sarò poco in rete (leggi quasi mai) se non sporadicamente qui su FB e costantemente su Twitter (seguitemi cliccando qui) che ho eletto a social network del domani. Essenziale, pratico e sopratutto ricco di notizie interessanti. Buone vacanze a tutti.