Novembre a meno venticinque (di sconto) sulla Confraternita e sul dittico della Città rossa!

promomarsilioNovembre è un mese noir: fino al 27 di questo mese, infatti, trovate i miei romanzi gialli pubblicati da Marsilio con uno sconto del 25% sul formato cartaceo!
Quindi se non avete ancora letto La confraternita della Ossa, Milano Criminale o Solo il tempo di morire questa è l’occasione per farlo a un prezzo eccezionale.
Siete lettori digitali? Niente paura anche per voi c’è uno sconto: fino al 20 novembre, La confraternita delle ossa sarà proposto a 7,99€ anziché a 9,99 € e il dittico Città rossa a 4,99€ anziché 7,99€.

Acquista La confraternita delle ossa (scheda e link a tutti gli store per comprarlo in formato cartaceo o digitale)

Acquista Solo il tempo di morire (scheda link a tutti gli store per comprarlo in formato cartaceo o digitale)

Acquista Milano Criminale (scheda link a tutti gli store per comprarlo in formato cartaceo o digitale)

Taccuino di una sbronza

coverbukEsce oggi, 25 febbraio 2014, in tutte le librerie (e per la prima volta anche in ebook ) la nuova edizione del mio romanzo Taccuino di una sbronza, pubblicato da Morellini editore.
C’è una nuova postfazione in ricordo del ventesimo anniversario della morte di Charles Bukowski, il 9 marzo.

Un assaggio è anche disponibile un’anteprima gratuita in ebook qui.

Ecco la scheda

Tutto comincia con un weekend in Irlanda. L’addio al celibato di Carlo Boschi, un trentenne milanese, impiegato modello e futuro marito di Sara. Insieme a lui c’è l’amico di una vita, Romeo, che, a dieci giorni dalle nozze, gli propone tre giorni memorabili a Dublino per festeggiare le nozze imminenti con una sbronza colossale. Birra dopo birra, però, il promesso sposo finisce all’ospedale, in coma etilico. Quando si sveglia, la sorpresa: Carlo è convinto di essere la reincarnazione del suo scrittore preferito, Charles Bukowski, morto proprio quella notte. Possibile? Da quel momento in avanti, la vita dell’uomo cambierà radicalmente. Rinuncerà a sposarsi, mollerà il lavoro, comincerà a rimorchiare donne nei bar e a vivere di espedienti e lavoretti saltuari, comportandosi proprio come lo scrittore statunitense. Un crescendo di avventure grottesche, sgangherati reading di poesia, scazzottate nei vicoli e, naturalmente, sbronze colossali fino all’inaspettato finale. Taccuino di una sbronza è un romanzo sorprendente e ironico che, capitolo dopo capitolo, ci accompagna con uno stile pungente attraverso quattordici anni di storia italiana.

L’ira funesta

IraFunestaCoverArriva oggi in libreria il mio romanzo L’ira funesta edito da Rizzoli.

La trama

Certe volte basta un niente per sconvolgere la vita di una placida cittadina di provincia. Basta, per esempio, che l’unico farmacista di un borgo mantovano, corso in ospedale dove sta per nascere il suo primo figlio, debba tenere chiuso il negozio: niente medicine per gli anziani e, soprattutto, niente medicine per il Gaggina, un colosso di centotrenta chili con il carattere dell’attaccabrighe di professione. Quel giorno, senza i suoi tranquillanti, in sella a un motorino Fifty grida insulti di fronte alla stazione dei carabinieri, irrompe come una furia nel bar della locale polisportiva, picchia un vigile che vuole fargli la multa, poi corre a barricarsi in casa minacciando con una katana da samurai chiunque si avvicini. Al Piccola Russia – così viene chiamato il borgo, perché le strade hanno tutte nomi di “compagni” – si scatena il passaparola, quello che accompagna ogni attività del paese. «Le solite follie del Gaggina, ma state tranquilli, non farebbe male a una mosca» assicura qualcuno. Ma quando il corpo del vecchio Giuanìn Penna, appena tornato dall’America dopo trent’anni di silenzio, viene trovato tra i campi, trafitto proprio da una spada, la situazione prende una piega preoccupante. A sbrogliare la matassa sarà chiamato il burbero e riservato maresciallo Omar Valdes, alias “tenente Siluro”, in un’indagine ricca di sorprese e di una travolgente ironia.
Attraverso le astuzie e le ingenuità di una piccola folla di personaggi memorabili, L’ira funesta racconta l’anima della provincia italiana, l’apparente semplicità della vita di paese, dove le chiacchiere intorno al tavolo di un bar possono diventare, tra una bevuta e quattro risate, una fenomenale chiave d’indagine.

L’incipit

Prima di partire
(Non siete voi, è lui)

Se capitaste in un piccolo borgo rurale, di quelli che sulla carta bisogna mettersi d’impegno per trovare, al cospetto di un omone a dorso nudo grande come un armadio, che vi grida contro con occhi feroci men­tre impugna una spada giapponese affilata come un rasoio, intanto che le teste di cuoio dei carabinieri vi sparano addosso bombe al peperoncino – che fanno lacrimare voi e l’energumeno come vitelli – e un nugo­lo di vecchietti artritici immersi in una pozza d’acqua tiepida fino alle ginocchia assiste alla scena, ridendo di gengiva e indicando un piccoletto che vi viene in­contro infilato dentro un’armatura quattrocentesca e brandisce una mazza ferrata, ecco, l’unico consiglio, casomai vi trovaste in questa situazione è: non dispe­rate e rimanete calmi. Non siete morti – anche se forse preferiste esserlo – e non vi siete nemmeno risvegliati dentro una camicia di forza in un ospedale psichiatri­co. Non è accaduto nulla del genere, siete solo capitati al Piccola Russia e il colosso con la katana lucente, che urla frasi sconnesse in tedesco e ringhia come un cane lupo, altri non è che il Gaggina, eroe stupefacente e inarrivabile di quello spicchio di landa fertile che bagna il Po da sotto e che i suoi abitanti chiamano la Bassa.

Proprietà letteraria riservata
© 2013, Paolo Roversi
Edizione pubblicata in accordo con
PNLA & Associati S.r.l. / Piergiorgio Nicolazzini Literary Agency
© 2013 RCS Libri S.p.A., Milano

I teaser

Per il lancio del libro sono stati preparati sette teaser, ovvero sette clip promozionali di 10 secondi ciascuno. L’attore che interpreta il Gaggina, il protagonista del romanzo, è Stefano Chiodaroli.

Sono visibili cliccando qui.

La pagina dedicata al libro su facebook.

Acquistalo su Amazon

Acquistalo su Ibs

La marcia di Radeschi

copertinaMRArriva in libreria La marcia di Radeschi edito da Mursia.

L’introduzione

Così è cominciato tutto.
Da qui parte il cammino del giornalista-hacker Enrico Radeschi in sella al Giallone, la sua vespa gialla del 1974 da cui non si separa mai.
Questo libro rappresenta l’inizio ideale del percorso: la marcia di Radeschi, che oggi conta quattro romanzi per adulti, uno per ragazzi, quattro racconti (tutti riuniti per la prima volta nel volume che avete fra le mani), molte traduzioni estere e diverse migliaia di lettori.
I racconti proposti sono apparsi in antologie, quotidiani o pubblicazioni periodiche nel corso degli ultimi anni. Oltre a Radeschi ci ritroverete molti personaggi della saga; in particolare non potevano mancare lo sbirro suo alter ego Loris Sebastiani (che diventa il protagonista assoluto di un intero racconto, Mompracen Resort, e il fedele Fuster (alle prese con un certo fastidio nel racconto Real fiction)
Insomma, il mondo di Enrico Radeschi è qui, a portata di mano, pronto per essere scoperto (se è la prima volta che vi avvicinate a lui, devo dire, fate un’ottima scelta visto che in questo volume è contenuto Blue Tango, il primo romanzo della serie) o riscoperto. Per rendere più completa la lettura ho corredato ogni testo con una piccola nota in modo da capire come e quando è stato scritto.
La marcia di Radeschi è per me un modo per fare ordine ma anche per confrontarmi col mio personaggio a sei anni di distanza dalla pubblicazione della prima avventura.
Ora tutto quello che è stato scritto su Radeschi è raccolto in cinque libri (La mano sinistra del diavolo, Niente baci alla francese, L’uomo della pianura, Gli agenti segreti non piangono e, naturalmente, La marcia di Radeschi), tutti editi da Mursia.
Buon viaggio!

La trama
In un appartamento del centrodi Milano viene trovato il corpo senza vita di una prostituta.
Il giovane giornalista hacker Enrico Radeschi, che in sella alla sua Vespa gialla del 1974 è sempre alla ricerca di notizie, e il suo amico vicequestore Loris Sebastiani, amante delle belle donne, dei Toscanelli e dal carattere duro e ombroso, si ritrovano a indagare sul delitto addentrandosi nelle reti pericolose di una Milano cupa, frenetica e indifferente.
In questo volume gli inizi del cammino di Radeschi che, insieme ad altri indimenticabili personaggi, diventa protagonista di cinque intriganti indagini dalle inconfondibili tinte noir.

 

Acquistalo su Amazon

Milano Criminale

RoversiMILANOCRIMINALEesec.inddEsce oggi, 2 marzo 2011, il mio nuovo romanzo. Il più bello che abbia scritto fino ad ora.

La grande epopea criminale degli anni Sessanta e Settanta, le atmosfere noir e i leggendari protagonisti di una Milano da film. Il romanzo di un’epoca e di una città che guarderete con occhi nuovi.

Anche Milano ha avuto i suoi eroi criminali. Erano gli anni del boom economico, dell’uomo sulla Luna, delle grandi passioni politiche e loro rapinavano le banche, assaltavano i furgoni portavalori e sfidavano la polizia in sparatorie a volto scoperto. Amavano i soldi e la bella vita, avevano le donne più affascinanti, bevevano champagne e indossavano abiti firmati. Volevano conquistare la città, e l’hanno presa con la forza.

Paolo Roversi – Milano criminale – il romanzo – Rizzoli, pg. 430, € 18.90

Leggi l’incipit del romanzo cliccando qui.

Compralo su IBS | Compralo su Libreria Universitaria

PesceMangiaCane

pescemangiacane_300dpiEdizioni Ambiente – collana Verdenero
romanzo
€ 15

La trama
Un serial killer si aggira nella Bassa padana, lungo le sponde del Po. È qui che uccide le sue vittime con un macabro rituale e le fa ritrovare con la testa infilata nella sabbia. A indagare sugli omicidi sono il magistrato Federica Della Lovere, bella e grintosa, e il burbero maresciallo Barillà, del Cta, il Comando Carabinieri per la Tutela dell’Ambiente di Milano. E sullo sfondo, il grande fiume malato, il “cocaine river” nelle cui acque si concentra tutta la cocaina consumata nell’Italia settentrionale. Un fiume depredato e sfruttato: dai furti sistematici di sabbia alle discariche abusive nelle golene, dai rifiuti tossici alle secche che danneggiano le colture, fino alle piene, ogni anno più terrificanti e disastrose. E poi ancora i ricordi della gente del fiume, e le parole di un vecchio pescatore che ha negli occhi la piena del 1951 e nelle mani una canna per catturare il pesce siluro, il nuovo Marlin del Po.

Le prime pagine

Il booktrailer