COSE CHE RACCONTERÒ IN TV: 4# Il protagonista di un romanzo GIALLO #IRAFUNESTA @PREMIUMCRIME #LIBRI #BOOKS
Pubblicato il 03.10.2013
Radeschi's version - il blog di Paolo Roversi

1237879_10151839143789570_204381089_nIl protagonista di un giallo non deve necessariamente essere il classico investigatore privato alla Marlowe o un commissario di polizia alla Montalbano ma può fare un mestiere qualsiasi. Il giornalista, il medico legale oppure l’insegnante di scuola come nei romanzi di Margherita Oggero…
L’importante è che sia ben delineato, definito nei minimi dettagli. Tu come autore devi conoscerne vita, morte e miracoli come se fosse un tuo caro amico. Sapere cosa mangia, cosa beve, cosa guarda alla TV, tutto quanto. Ma soprattutto devi renderlo talmente credibile da fare in modo che il lettore vi si identifichi e non importa se spesso l’eroe sarà sopra le righe. Anzi è un bene che possieda qualche dote speciale, senza esagerare. Un esempio classico è Sherlock Holmes di Conan Doyle. Un investigatore molto particolare ma che noi lettori finiamo per ammirare e, anzi spesso, per immedesimarci.

Il Gaggina è il classico matto di paese, uno di quei tanti che si aggirano qui nella Bassa, ma penso anche in molte altre zone della provincia italiana. È un omone alto due metri che si crede la reincarnazione di un Samurai. Un giorno rimane senza le sue pillole calmanti, impugna la sua spada katana e si scatena. A quel punto è facile trasformarlo in un mostro se in paese avviene un omicidio…

Il resto lo potrete vedere su Premium Crime domenica 6 ottobre alle ore 22.

Ecco il promo:

Social

Paolo Roversi

Paolo Roversi è nato nel 1975. Scrittore, giornalista e sceneggiatore, vive a Milano. Con Marsilio, nel 2015 ha pubblicato il dittico Città rossa, due romanzi sulla storia della criminalità milanese degli anni Settanta e Ottanta: Milano criminale e Solo il tempo di morire (premio Selezione Bancarella, premio Garfagnana in giallo).
Nel 2016, sempre con Marsilio, ha pubblicato La confraternita delle ossa, il primo episodio di una serie con protagonista il giornalista hacker Enrico Radeschi che comprende anche i romanzi: La marcia di Radeschi (Mursia), La mano sinistra del diavolo (Mursia, premio Camaiore di Letteratura Gialla 2007), Niente baci alla francese (Mursia) e L’uomo della pianura (Mursia).
Gli altri suoi romanzi sono Taccuino di una sbronza (Morellini), PesceMangiaCane (Edizioni Ambiente) e L’ira funesta (Rizzoli).
I suoi libri sono tradotti in Francia, Spagna, Germania e Stati Uniti.
Collabora con quotidiani e riviste ed è autore di soggetti per serie televisive e cortometraggi.
È fondatore e direttore del NebbiaGialla Suzzara Noir Festival e del portale MilanoNera.
Social
Scopri il nuovo romanzo di Paolo Roversi: La confraternita delle ossa (Marsilio)

Autore: Paolo Roversi

Paolo Roversi è nato nel 1975. Scrittore, giornalista e sceneggiatore, vive a Milano. Con Marsilio, nel 2015 ha pubblicato il dittico Città rossa, due romanzi sulla storia della criminalità milanese degli anni Settanta e Ottanta: Milano criminale e Solo il tempo di morire (premio Selezione Bancarella, premio Garfagnana in giallo). Nel 2016, sempre con Marsilio, ha pubblicato La confraternita delle ossa, il primo episodio di una serie con protagonista il giornalista hacker Enrico Radeschi che comprende anche i romanzi: La marcia di Radeschi (Mursia), La mano sinistra del diavolo (Mursia, premio Camaiore di Letteratura Gialla 2007), Niente baci alla francese (Mursia) e L’uomo della pianura (Mursia). Gli altri suoi romanzi sono Taccuino di una sbronza (Morellini), PesceMangiaCane (Edizioni Ambiente) e L’ira funesta (Rizzoli). I suoi libri sono tradotti in Francia, Spagna, Germania e Stati Uniti. Collabora con quotidiani e riviste ed è autore di soggetti per serie televisive e cortometraggi. È fondatore e direttore del NebbiaGialla Suzzara Noir Festival e del portale MilanoNera.