Milano Booktrailer Festival secondo Radeschi
Pubblicato il 18.01.2008
Radeschi's version - il blog di Paolo Roversi

Gran bella serata quella di ieri sera dedicata al fenomeno booktrailer. La Libreria del giallo di Tecla Dozio non l’avevo mai visto così piena. Gente in strada perfino perché dentro non ci si stava tutti. A partire dalle ore 21 ci siamo goduti una decina di booktrailer. C’era anche il TG1 con le telecamere e un sacco di amici scrittori ed editori. Bellissimo il clip di apertura (rigorosamente d’epoca) dedicato all’antologia Gioventù Cannibale dove abbiamo ammirato un Pinketts giovane e canterino (ma non sobrio sia chiaro).
La proiezione del booktrailer di Niente baci alla francese è stata molto apprezzata, il pubblico rideva di gusto (faccione della Moratti=risata, Mister Wolf =risata, Ecopass=risata, apparizione di Radeschi =risata ) e anche il giurato unico, Tommaso Labranca, ha apprezzato conferendo al booktrailer radeschiano un dignitosissimo secondo posto ancora più apprezzato se si pensa che alcuni dei video in gara erano costati parecchi quattrini (alcuni anche più di un migliaio di euro). Primo classificato il booktrailer, targato Marsilio, di Montezuma Airbag your pardon dell’amico D’Attis che potete vedere qui.

Ideata e organizzata dalla giornalista Annarita Briganti, la serata ha visto la partecipazione di editori come Marsilio, Mursia, Marcos y Marcos, Piemme, Kowalski e Salani. Coordinata da Tecla Dozio e dal giornalista Gian Paolo Serino la maratona video è finita nel migliore dei modi con tiramisù e rhum.
Per chiudere ripropongo il mio booktrailer che, passatemelo, considero il vincitore morale della serata (visto che è stato l’unico che ha fatto ridere la gente che, con l’aria che tira, non è poco). Buona visione!

Social

Paolo Roversi

Paolo Roversi è nato nel 1975. Scrittore, giornalista e sceneggiatore, vive a Milano. Con Marsilio, nel 2015 ha pubblicato il dittico Città rossa, due romanzi sulla storia della criminalità milanese degli anni Settanta e Ottanta: Milano criminale e Solo il tempo di morire (premio Selezione Bancarella, premio Garfagnana in giallo).
Nel 2016, sempre con Marsilio, ha pubblicato La confraternita delle ossa, il primo episodio di una serie con protagonista il giornalista hacker Enrico Radeschi che comprende anche i romanzi: La marcia di Radeschi (Mursia), La mano sinistra del diavolo (Mursia, premio Camaiore di Letteratura Gialla 2007), Niente baci alla francese (Mursia) e L’uomo della pianura (Mursia).
Gli altri suoi romanzi sono Taccuino di una sbronza (Morellini), PesceMangiaCane (Edizioni Ambiente) e L’ira funesta (Rizzoli).
I suoi libri sono tradotti in Francia, Spagna, Germania e Stati Uniti.
Collabora con quotidiani e riviste ed è autore di soggetti per serie televisive e cortometraggi.
È fondatore e direttore del NebbiaGialla Suzzara Noir Festival e del portale MilanoNera.
Social
Scopri il nuovo romanzo di Paolo Roversi: La confraternita delle ossa (Marsilio)

Autore: Paolo Roversi

Paolo Roversi è nato nel 1975. Scrittore, giornalista e sceneggiatore, vive a Milano. Con Marsilio, nel 2015 ha pubblicato il dittico Città rossa, due romanzi sulla storia della criminalità milanese degli anni Settanta e Ottanta: Milano criminale e Solo il tempo di morire (premio Selezione Bancarella, premio Garfagnana in giallo). Nel 2016, sempre con Marsilio, ha pubblicato La confraternita delle ossa, il primo episodio di una serie con protagonista il giornalista hacker Enrico Radeschi che comprende anche i romanzi: La marcia di Radeschi (Mursia), La mano sinistra del diavolo (Mursia, premio Camaiore di Letteratura Gialla 2007), Niente baci alla francese (Mursia) e L’uomo della pianura (Mursia). Gli altri suoi romanzi sono Taccuino di una sbronza (Morellini), PesceMangiaCane (Edizioni Ambiente) e L’ira funesta (Rizzoli). I suoi libri sono tradotti in Francia, Spagna, Germania e Stati Uniti. Collabora con quotidiani e riviste ed è autore di soggetti per serie televisive e cortometraggi. È fondatore e direttore del NebbiaGialla Suzzara Noir Festival e del portale MilanoNera.