Domani su Rai3 alla trasmissione Petrarca

Il mio romanzo Cartoline dalla fine del mondo (Marsilio) arriva in TV ed io con lui direttamente da piazza del Duomo!
Vi racconterò la Milano di Leonardo da Vinci e la Milano di Enrico Radeschi. Quando?
Domani, 26 maggio, su Rai3 nel corso della trasmissione culturale Petrarca che andrà in onda a partire dalle 12.55 ( se ve la perdete potrete rivederla qui)
Buona visione e se vi siete incuriositi leggete il romanzo!

Striscia la notizia raccomanda La confraternita delle ossa – video

L’anno nuovo per il sottoscritto e il suo personaggio seriale Enrico Radeschi inizia nel migliore dei modi. Ieri sera, infatti, all’interno del programma Striscia la notizia uno dei conduttori, Ezio Greggio, ha consigliato la lettura del mio thriller La confraternita delle ossa edito da Marsilio.
Se ve lo siete perso ecco il filmato qui di seguito.

Cinque intere pagine di “Mistero” sulla Confraternita delle Ossa

mistero3La rivista Mistero (nata dall’omonimo programma che va in onda su Italia Uno) nel numero di ottobre che trovate in edicola in questi giorni dedica ben cinque pagine ai “misteri” raccontati nel mio thriller La confraternita delle ossa.
Oltre a un approfondimento sulla confraternita dei disciplinati il pezzo, scritto da Alessandro Bongiorni, è arricchito da una lunga intervista al sottoscritto. Ecco un paio di passaggi.

 

 

Com’è nato “La confraternita delle ossa”?
Quando ho messo piede per la prima volta in San Bernardino alle Ossa, e dopo aver approfondito la storia di quella chiesa, ho avuto un’illuminazione. È un luogo estremamente tetro e interessante. Di Milano è stato raccontato di tutto, e mi sembrava che nessuno avesse descritto veramente la storia di questo posto. Non potevo non farlo quindi. Le storie ti vengono a cercare. Poi quando scopri che anche San Carlo Borromeo, uno dei personaggi più in vista della storia della città, era un disciplinato… Ho intravisto subito il potenziale

mistero1

Tre parole, con una breve spiegazione, per descrivere Enrico Radeschi.
«Ne scelgo tre che iniziano tutte con la stessa lettera. Incosciente: perché si butta a capofitto nelle indagini anche mettendo in pericolo la propria vita. Ironico: perché anche quando la situazione è nera non risparmia mai una battuta di spirito. Imprevedibile: perché quando è dietro una tastiera del PC o in sella alla sua vespa gialla non sai mai cosa potrà fare»

 

La prima indagine del ficcanaso Radeschi

Sabato scorso la Gazzetta di Parma ha dedicato un lungo e lusinghiero articolo al mio nuovo romanzo La confraternita delle ossa.
Ecco alcuni estratti:

Un romanzo che mantiene sempre alta la tensione narrativa ma che, talvolta, riesce a smorzare i toni neri con ironia

E ancora

Con «La confraternita delle ossa», Roversi fa un viaggio nel tempo e ci mostra un Radeschi decisamente diverso da quello attuale: più imbranato e meno tecnologico, comunque
sempre in difficoltà con le donne. E alla ricerca del suo grande amore motoristico: il famoso Giallone, una Vespa del 1974

Potete leggere l’articolo completo cliccando sull’immagine qui sotto.

gazzetta_parma_17092016

Panorama recensisce la Confraternita delle Ossa: una Milano sospesa fra Scerbanenco e Dan Brown

L’attesa è finita: domani, finalmente, arriva in libreria il mio decimo romanzo: La confraternita delle ossa.
Sono felice anche perché la prima recensione uscita ieri su Panorama è strepitosa già a partire dal titolo che richiama il maestro Scerbanenco e un grande autore di bestseller come Dan Brown.
Eccone un estratto:

(Roversi) dopo una parentesi lunga quasi sette anni riporta in pagina Enrico Radeschi, azzeccato personaggio seriale dell’autore: giornalista freelance, hacker, amico degli sbirri, batte la città in sella a un vespone giallo, ha un approccio bukovskiano alla vita e una tendenza innata a complicarsela. Un po’ come il suo autore, che invece di seguire la comoda via dell’evoluzione del protagonista sceglie di catapultarlo in una sorta di prequel, misurandosi con la sua formazione investigativa e con un territorio urbano, quello dei primi anni Duemila, quasi completamente privo dei feticci tecnologici che oggi riempiono la produzione scritta e televisiva.

Non contento, Roversi mischia ulteriormente le carte con una trama che si discosta progressivamente dal giallo classico per abbracciare Dan Brown: si comincia dall’omicidio di un noto avvocato nella centralissima piazza dei Mercanti per arrivare alla misteriosa confraternita dei Disciplinati, che si è autoattribuita il compito di ristabilire l’ordine morale in un’Italia allo sbando. Nel mezzo indagini serrate, altre morti misteriose in alcune delle quali non è difficile riconoscere episodi reali (come lo schianto di un biplano contro il Pirellone che, a pochi mesi di distanza dagli attentati dell’11 settembre, gettò nel panico per qualche ora la città), cripte segrete e l’inevitabile femme fatale. Un thriller incalzante, dove nulla è come sembra fino allla fine, scritto con una prosa efficace e immediata.

L’articolo completo può essere letto qui.

Have a nice Bukowski day su Rai Radio e con una nuova biografia!

Domani, 16 agosto, sarebbe stato il compleanno di Charles Bukowski, un autore a me molto caro per varie ragioni tra cui, non ultima, l’opportunità di incontrare Fernanda Pivano.  Il Vecchio (come amiamo definirlo amichevolmente noi adepti) però continua a regalarmi sorprese: qualche settimana fa mi ha telefonato la RAI per chiedermi se fossi stato disponibile a registrare una puntata monografica su Bukowski della durata di una mezzora. Potevo dire di no? Ovviamente ho accettato e così domani, martedì 16 agosto, alle ore 14 il programma WikiRAdio di Rai Radio3 manderà in onda la puntata che potrete ascoltare anche in streaming qui o che, in alternativa, potrete scaricare allo stesso link in formato mp3 a partire dalle ore 15.

bukowski vita ordinaria folliaPer festeggiare Bukowski (di cui vi ricordo sta nascendo anche una birra) non ci siamo limitati a questo; insieme all’editore Morellini abbiamo pensato di pubblicare per l’occasione una biografia essenziale dal titolo Charles Bukowski: una vita d’ordinaria follia che potete trovare in tutti gli store on line a solo € 0,99. Quale occasione migliore per festeggiare il Vecchio magari ricordandolo stappando una birra gelata?