Gotico padano
Pubblicato il 03.10.2007
Radeschi's version - il blog di Paolo Roversi

Sono morta due giorni prima di morire davvero. All’epoca si respirava aria di libertà, la gente voleva dimenticare, ricominciare a vivere dopo cinque anni di guerra e venti di fascio. Era vero per tutti ma non per me, vedova di un repubblichino amico intimo di Pavolini ed esponente di punta della Banda Carità. Quando, nella primavera del 1945, ogni difesa cadde, i partigiani vennero subito a cercarlo: il nome di mio marito era in cima alla loro lista. Ci catturarono a Milano, due giorni dopo la Liberazione. Lui fu processato e fucilato. Di me, invece, si disinteressarono; non rappresentavo nulla per loro.

Questo è l’attacco, come si dice in gergo, di un mio racconto pubblicato sul trimestrale Terre Verdiane News esempio di bella iniziativa editoriale portata avanti con passione da Andrea Villani e Roberto Tanzi.
Si tratta di un racconto ambientato nella Bassa e dal gusto un po’ gotico anche se come genere non mi è proprio congeniale. In molti ne hanno parlato, un critico ci ha addirittura visto qualcosa di Lovecraft… Non so, io ve lo segnalo. Lo potete leggere qui.

Social

Paolo Roversi

Paolo Roversi è nato nel 1975. Scrittore, giornalista e sceneggiatore, vive a Milano. Con Marsilio, nel 2015 ha pubblicato il dittico Città rossa, due romanzi sulla storia della criminalità milanese degli anni Settanta e Ottanta: Milano criminale e Solo il tempo di morire (premio Selezione Bancarella, premio Garfagnana in giallo).
Nel 2016, sempre con Marsilio, ha pubblicato La confraternita delle ossa, il primo episodio di una serie con protagonista il giornalista hacker Enrico Radeschi che comprende anche i romanzi: La marcia di Radeschi (Mursia), La mano sinistra del diavolo (Mursia, premio Camaiore di Letteratura Gialla 2007), Niente baci alla francese (Mursia) e L’uomo della pianura (Mursia).
Gli altri suoi romanzi sono Taccuino di una sbronza (Morellini), PesceMangiaCane (Edizioni Ambiente) e L’ira funesta (Rizzoli).
I suoi libri sono tradotti in Francia, Spagna, Germania e Stati Uniti.
Collabora con quotidiani e riviste ed è autore di soggetti per serie televisive e cortometraggi.
È fondatore e direttore del NebbiaGialla Suzzara Noir Festival e del portale MilanoNera.
Social
Scopri il nuovo romanzo di Paolo Roversi: La confraternita delle ossa (Marsilio)

Autore: Paolo Roversi

Paolo Roversi è nato nel 1975. Scrittore, giornalista e sceneggiatore, vive a Milano. Con Marsilio, nel 2015 ha pubblicato il dittico Città rossa, due romanzi sulla storia della criminalità milanese degli anni Settanta e Ottanta: Milano criminale e Solo il tempo di morire (premio Selezione Bancarella, premio Garfagnana in giallo). Nel 2016, sempre con Marsilio, ha pubblicato La confraternita delle ossa, il primo episodio di una serie con protagonista il giornalista hacker Enrico Radeschi che comprende anche i romanzi: La marcia di Radeschi (Mursia), La mano sinistra del diavolo (Mursia, premio Camaiore di Letteratura Gialla 2007), Niente baci alla francese (Mursia) e L’uomo della pianura (Mursia). Gli altri suoi romanzi sono Taccuino di una sbronza (Morellini), PesceMangiaCane (Edizioni Ambiente) e L’ira funesta (Rizzoli). I suoi libri sono tradotti in Francia, Spagna, Germania e Stati Uniti. Collabora con quotidiani e riviste ed è autore di soggetti per serie televisive e cortometraggi. È fondatore e direttore del NebbiaGialla Suzzara Noir Festival e del portale MilanoNera.